Feeds:
Articoli
Commenti

Statisticamente l’uncinetto è un’arte femminile, vero? Ma so che ci sono anche uomini che la praticano. Perciò

Benvenute
e
benvenuti

Qui potrete trovare alcuni schemi di oggetti da realizzare all’uncinetto, che divido per categoria (colonna a destra).

Gli schemi derivano da siti stranieri (colonna a destra). Ogni post riporta il collegamento alla pagina di origine.

C’è poi una pagina con una scheda sinottica dei termini dell’uncinetto in varie lingue.c

E infine ci sono anche le foto di oggetti che ho realizzato io. ma questo ‘infine’ credo che diventerà ‘soprattutto’, perché ho poco tempo per tradurre e a volte, comunque, non riesco a ottenere il consenso delle autrici degli schemi, per vari motivi.

… vanno bene anche il presepio e l’albero disegnati con i gessetti sulla carta da pacchi!

albero e presepio, gesso su varta

I’m thankful for

I'm thankful for

Sportmax zipper back dress
$355 – matchesfashion.com

Diego Percossi Papi gold plated earrings
$1,340 – net-a-porter.com

Flower pendant
overstock.com

Yves Saint Laurent scarve
$410 – farfetch.com

Quando ero piccola, la mamma mi faceva maglioni jacquard ai ferri. Mi piacevano molto, perché la tecnica jacquard permette di fare disegni e a quel tempo apprezzavo più il disegno che il movimento creato dai diversi punti. L’unica cosa che trovavo detestabile erano i fili lanciati che rimanevano nel retro della maglia, le “staffe” (così li chiama mia madre; ma non so quanto sia ufficiale, ogni tanto inventa parole come D’Annunzio).

Lo jacquard si può fare anche con l’uncinetto e senza lasciare staffe, perché il filo che non si sta lavorando viene trasportato dentro al lavoro man mano che il disegno avanza. A parte che le dita in questo modo non s’impigliano, portare il filo mentre si lavora rende il tessuto bello solido.

Questa tecnica in inglese è detta tapestry crochet. Poiché tapestry vuol dire “arazzo”, si potrebbe tradurre con “uncinetto arazzo” o qualcosa del genere ma, visto che l’hanno già battezzata “jacquard”, preferisco usare questa denominazione, che ovviamente deriva da quella del telaio Jacquard.

L’uncinetto jacquard non è difficile da fare. I punti sono semplicemente punti bassi (in certi casi anche alti o alti doppi) dove la chiusura dell’ultimo punto di colore A va fatta con il filo di colore B. È più difficile scriverlo che farlo: quando sull’uncinetto rimangono gli ultimi due cappi prima di chiudere il punto, si prende l’altro colore – che abbiamo portato con noi via via – e si chiude con il colore nuovo.

Questa tecnica tuttavia ha una particolarità: perché il disegno riesca bene, bisogna lavorare sempre al dritto. E questo può sembrare complicato.

Ho fatto varie prove, per due pomeriggi, prima di capire che la lavorazione normale non funzionava: ho provato a incrociare i fili in maniere diverse, ho provato ad alternare righe a punto alto e a punto basso, ma i risultati non mi piacevano e mi sentivo un tantino imbranata. Lavorando in spirale, per esempio facendo le uova di Pasqua a righe, era tutto perfetto, liscio liscio, un punto sopra l’altro. Lavorando a giri di andata e ritorno, invece, un pasticcio inguardabile.

Alla fine, grazie a un paio di foto e un’intervista a Carol Norton Ventura, ho capito che per fare un pezzo piatto, se non volevo tagliare i fili ogni volta (pratica che ho scoperto in seguito, spulciando vecchie riviste), potevo solo lavorare intorno a una base più o meno lunga. Ecco qui un disegno:

lav_concentr

È brutto, ma spero che si capisca: I è l’inizio del lavoro, F è il termine; si può lavorare in spirale oppure chiudendo ogni giro e cominciandone un altro. Con questo sistema si fanno ovali o rettangoli, in jacquard o in filet o in qualunque altro punto si voglia.

Lavorando in giri di andata e ritorno, come accade nella maggior parte del lavoro all’uncinetto, il disegno non viene bene semplicemente perché i punti sul dritto e sul rovescio hanno un aspetto diverso, a causa dell’incrocio dei fili. Per questo motivo, bisogna “disegnare” solo sul dritto. Con i ferri è facile, si fa un ferro al dritto e uno al rovescio (così dice la mamma; io non so lavorare ai ferri). Con l’uncinetto, invece, ci sono varie possibilità:

  1. Lavorare in giri concentrici, che sia il pezzo piatto o tridimensionale, rotondo o quadrato o con tutti gli angoli che volete. Io uso questo sistema per fare le stole ovali ma una volta ho lavorato così anche un paio di solette per sandali.
  1. Tagliare i fili al termine di ogni giro e ricominciare dall’altra parte. Questo modo l’ho trovato descritto, per maglioni, in una rivista degli anni Settanta e mi pare opportuno segnalarlo. In alternativa si potrebbe usare, per ogni colore, tanti mini-gomitoli quante sono le righe. Questo però richiede una certa perizia nello stabilire quanto debba esser grande ogni mini-gomitolo, per evitare sprechi.
  2. Lavorare una riga da destra a sinistra e una da sinistra a destra. Questo è uno dei metodi usati da Carol Norton Ventura, che è un’esperta di tapestry crochet. Richiede però di saper lavorare il punto sia con la mano destra sia con la sinistra.
  3. Lavorare una riga prendendo normalmente il filo da dietro in avanti e l’altra prendendo il filo da davanti a dietro. Anche questa è una tecnica di Carol Ventura (che ha tutta la mia ammirazione) e anche questa è più facile da fare che da scrivere. Sono molto grata del fatto che Carol abbia messo online un video in cui mostra le tecniche 3 e 4. Ecco il collegamento alla pagina che riporta il link del video.

I disegni

In teoria vanno bene tutti i disegni quadrettati, come quelli dell’uncinetto filet o del punto croce, a  bisognerà vedere quanto è gradevole il risultato. Il principio però è lo stesso.

Non so se esistono disegni che riescano bene anche lavorando in righe di andata e ritorno ma sospetto di no.


Clic sulla miniatura per vedere la foto ingrandita.

SAMSUNG DIGITAL CAMERA

SAMSUNG DIGITAL CAMERA

SAMSUNG DIGITAL CAMERA

SAMSUNG DIGITAL CAMERA

SAMSUNG DIGITAL CAMERA

SAMSUNG DIGITAL CAMERA

Va be’, sarà l’occasione per imparare qualcosa di nuovo.

Chihuahua

Questo piccolo canide è una merce di scambio per la mia unica allieva: chihuahua contro dieci metri di catenella🙂

A me, è servito a capire che non sarebbe ragionevole fare animali amigurumi per venderli, perlomeno non così piccoli. Ora mi spiego perché praticamente nessuno vende amigurumi ma solo schemi o libri sugli amigurumi.

A proposito di libri… sono tecnicamente debitrice della bravissima June Gilbank.

Come sempre, basta cliccare sulla miniatura per vedere la foto ingrandita. Abbasso il Divario Digitale.

 

Eccomi qua!

Eccomi qua!

Che ve ne pare della mia casetta?

Che ve ne pare della mia casetta?

Il naso ricamato; sotto al musetto c’è una fotocopia della pagina originale, in cui si vede il naso di plastica. Anche la bocca è ricamata ma questo è normale.

SAMSUNG DIGITAL CAMERA

Qui si vede il naso un po’ meglio.

SAMSUNG DIGITAL CAMERA

 

 

 

Ecco lo scialle che ho fatto per mia zia Francesca:

* ottagono a rete con centro fantasia e bordo di punti bassi (2 file)

* 500 gr di lana (Lana Gatto Wool, 4 euro/50 gr). Qui trovate la recensione, con foto, fatta per il lavoro ai ferri; per il lavoro all’uncinetto, trovo che si spacchi un po’ troppo ma potrebbe anche dipendere dal mio modo di lavorare, si capisce

* dimensioni: 79 cm sul raggio e 64 cm sull’altezza del triangolo, dopo il lavaggio; prima le dimensioni erano 69 e 61 cm rispettivamente: questo tipo di lana, infatti, si allunga con il lavaggio, come anche la Lana Gatto Misina; una caratteristica che può essere utile per scialli e stole (se lo sai prima di cominciare il lavoro; si allunga anche se il capo si asciuga disteso, che peraltro è il mio solito modo con la lana, non appenderei mai qualcosa fatto di lana)

* tempo di lavoro: 22 ore più un’altra oretta per lavarlo, stirarlo e appuntare i fili (e quattro giorni di asciugatura… ma quello non è propriamente lavoro mio).

Si indossa piegato in due. Volendo, si può anche non piegarlo e indossarlo come un velo che copre la testa e le spalle; ma mia zia ha quasi 80 anni e non ce la vedo a portarlo così – a parte che di caldo ne terrebbe poco, è pieno di buchi.

Il centro fantasia (preso da qui)

SAMSUNG DIGITAL CAMERA

 

 

 

 

centro 2

Dal centro alla periferia: il raggio 

raggio

 

 

 

 

La periferia: angolo  

SAMSUNG DIGITAL CAMERA

Due modi di indossarlo piegato (vorrei tanto avere un manichino con la testa e le braccia, sigh)

   modo 1    modo 2

Detesto lavorare il nero ma questo tipo di rete non si lavora nel punto, quindi è un po’ meno faticosa di altri punti. Però il nero è faticoso di suo, stanca gli occhi in maniera particolare. Se non me lo avesse chiesto la zia, non avrei mai usato una lana nera. (Ho provato a proporre un bordeaux o almeno un color talpa, che a me piace tanto, ma sono stati bocciati…)

Cinque Soli

Questo è uno dei mei punti preferiti.
Nelle vecchie raccolte lo si trova sotto il nome di punto Grata o punto Granchio (e passi per la grata ma i granchi mica ci hanno 16 zampe). Io lo chiamo punto Sole.
La stola si chiama Cinque Soli perché il lato più corto riporta appunto cinque motivi.

Lana Gatto Misina colore 12946: 340 gr (350 gr acquistati, perché i gomitoli sono da 50 gr)
uncinetto 4,50 mm
larghezza 46 cm, lunghezza 181 cm dopo lavaggio e stiratura (prima del lavaggio era lunga 154 cm e larga 43; questo filato Misina si allunga con il lavaggio, mentre in larghezza non cede molto)

Peccato non riuscire a fare fotografie migliori! Ma questa dovrebbe andare in esposizione in un negozio, non la vendo via web.